You are now being logged in using your Facebook credentials

Langhirano Winter Trail dei Castelli 2017

 

Questa zona preappenninica, che a tutti i buongustai evoca il prosciutto con altre delizie locali, da alcuni anni è diventata il paradiso dei trailers, anche principianti attirati dai dislivelli mai eccessivi, sebbene la tendenza di alcune manifestazioni sia quella di allungare progressivamente le lunghezze (ormai i 42 non bastano più, bisogna farne 50 o 60 o 80 e così via) e dunque restringere il lotto dei corridori. Per fortuna, resistono corse dal volto umano come questa, capace di attirare quasi 500 atleti, in buona parte giovani, o perlomeno più giovani della media tra il popolo degli stradisti.

 

Resta la denominazione di Winter trail, cara a vari organizzatori parmensi, anche se a metà marzo ormai l’inverno se ne è andato, la neve non si vede proprio, alle 18 - ora di partenza - il sole non è ancora tramontato e ci sono 14 gradi. Il lato originale della gara è costituito dall’essere a coppie, cosa che imporrebbe determinate regole (non più di 5 secondi , o di poche decine di metri, tra i compagni), pressoché impossibili da rispettare in un tracciato dalle forti mutazioni di pendenze e di fondo da calpestare, e che comunque nessuno si preoccupa di fare rispettare: nessun controllo intermedio, nemmeno verifiche dei passaggi, come nessun controllo era stato fatto in avvio del cosiddetto “materiale obbligatorio”; e l’unica esosità, poco motivata, sta nella pretesa di consegnare il certificato medico agonistico (oltre a una dichiarazione di scarico dalle responsabilità) che dovrebbe essere del tutto inutile in presenza di una tessera che riporti la scadenza dell’idoneità fisica.

 

Altra peculiarità della gara è l’essere notturna, nel senso che si ha poco più di mezz’ora di luce e poi bisogna accendere le lampadine, creando un suggestivo spettacolo coi puntini luminosi lungo il percorso; mentre in cielo il perfetto sereno, punteggiato delle grandi costellazioni del momento, è illuminato dal plenilunio (il compagno di squadra Massimo Muratori suggerisce di non abusare dell’aggettivo “mozzafiato” tanto caro ai narratori di corse).

 

Un parallelismo sportivo del genere si ha nel vicino Furnasoun trail di Scandiano, facente parte dello stesso circuito Uisp regionale (sebbene il campionato individuale sia stato, alla chetichella, del tutto abrogato).

 

Il volantino ufficiale di Langhirano promette 22 km e 1100 metri di dislivello; più degno di fede, il sito degli organizzatori (molto bello e ben fatto, e continuamente aggiornato anche a gara conclusa, a differenza di tanti siti che, fatta la gara, per giorni non danno più segni di vita) riduce a 21,660 con 890 metri da salire e scendere, partendo da quota 243 (il centro della cittadina) fino a una prima cimetta a 610 metri dopo 6 km, poi la doppia vetta del monte Milano verso il km 10 (752 metri, il punto più alto), al termine di 2 km in cui si sale di 250 metri; infine la terza cima, il monte Vetrola (da cui in teoria si dovrebbe vedere il famoso castello di Torrechiara) a 643 m dopo 15 km. Da qui parte il discesone, prevalentemente su carraie corribili, con punte di 70-90 m in giù per km, salvo l’ultimo in cui si calpestano le strade del paese, non senza qualche dubbio causa la scarsezza di frecce (spesso supplite da vigili o addetti).

 

Ci sono poco meno di 5 km di asfalto: 2 dopo la discesa dal Vetrola e gli altri in paese; non molto felice mi è parsa l’idea di instradarci nel primo km in una stretta pista, comprensiva di due scalinate, dove i non primissimi hanno dovuto fermarsi o procedere molto lentamente. Percorso segnalato abbastanza bene, a parte il finale; semmai sarebbero state più utili bandelle catarifrangenti, sostituite invece per lo più da strisce di color chiaro (quando non da semplici bastoni).

 

Per fortuna, eravamo tanti che ci siamo sempre trovati nei pressi di qualche collega traendo reciproca illuminazione, sia in senso reale sia quanto a info. Il che mi ha fatto anche reimparare una parola, tipicamente parmigiana - con qualche cugina nel resto della Padània -, sentendo un paio di addetti raccomandarci attenzione alle “rase”. Pensavo fossero le pozzanghere o gli aquitrini, che in effetti erano comparsi nella seconda parte della gara, poi ho recuperato che si tratta delle “razze”, cioè i rovi, che spesso contornano questi tipi di percorsi.

 

Due ristori, il primo dopo 7 km e il secondo forse un po’ tardivo, dopo quasi 17; ad onta delle ammonizioni del regolamento, secondo cui non ci sarebbero stati bicchieri e dovevamo averli noi, c’erano (ir)regolarmente i bicchieri per acqua, tè, cola. Controllo chip di Wedosport, con un trasponder sottilissimo, quasi invisibile sul verso del pettorale, e diffusione immediata online dei risultati.

 

Di gran lusso la coppia vincitrice assoluta nonché maschile, i due modenesi Piana e Pigoni, che hanno corso addirittura alla media di 4:40 /km (1.42:59), due minuti e mezzo davanti ai secondi. 17esimi assoluti sono arrivati, in 2.01, i componenti della prima coppia mista, decisamente giovane, Vecchi e Mattioli; giovani anche le prime donne, Del Bravo e Pannuto, in 2.20, che non pare abbiano avuto molta concorrenza (le seconde seguono a quasi 6 minuti). In totale sono state classificate 131 coppie maschili, 53 femminili e 29 miste: spogliatoi affollati, ma docce sempre caldissime.

 

Come curiosità, un tranquillo cabotaggio nelle retrovie ha fatto la coppia maschile Pattuzzi-Greco: bolognese il primo, sassolese il secondo che ha corso con la maglia neroverde del Sassuolo. All’indomani le squadre del loro rispettivo tifo si sono affrontate e ha vinto il Bologna. Immagino che durante la tavolata di lusso, ovvero terzo tempo incluso nel prezzo di 20/25 euro a testa, 15 per i non corridori (agnolotti, prosciutto non plus ultra, torte casalinghe), tra una premiazione e l’altra ci sarà stato anche tempo di parlare di un campionato di calcio che non ha più nessun interesse a parte la conta dei rigori fasulli. Molto più pulito il podismo a questi livelli.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

I più letti del mese

Squalificato, ci prova con la Runcard, viene bloccato, ma lui corre senza chip!

12 Apr, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Carvico (BG) – Sky del Canto

03 Apr, 2017 Ufficio stampa Asd Carvico Skyrunning

Milano - EA7 Emporio Armani Milano Marathon

02 Apr, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Casterno di Robecco (MI) – 40^ marcia dei ciliegi in fiore

17 Apr, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Tutti gli italiani iscritti alla Boston Marathon

15 Apr, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Novellara (RE) - La 30 di Novellara - XXXI Camminata Avis

26 Mar, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Il mio “dopante” preferito: il flow

11 Apr, 2017 Gerardo Settanni - psicologo dello sport

Si è spento Claudio Zamengo

12 Apr, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

02.04.2017 Roma - 23^ Acea Maratona di Roma

02 Apr, 2017 Ufficio Stampa Evento

Squalifica di 30 giorni per Ignazio La Monica

29 Mar, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Due nuovi “record mondiali” di maratona indoor stabiliti a New York

26 Mar, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Longarone-Busche (BL) - La Piave Marathon

27 Mar, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Massafra (TA) - 8^ Stracittadina Massafrese

28 Mar, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

A Carate Brianza un 10mila per ricordare Giorgio Molteni

04 Apr, 2017 Comitato Organizzatore

Morire di trail: solo destino?

05 Apr, 2017 Sebastiano Scuderi

Cene (BG) - 6^ Mezza sul Serio

26 Mar, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Milano può arrivare a 15.000 maratoneti se solo la FIDAL…

21 Apr, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Kampala (UGA) - Campionati Mondiali di Cross

26 Mar, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

La keniana Sumgong, campionessa olimpica, positiva all'Epo!

07 Apr, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Mezza maratona del Naviglio, 21 chilometri, 21 anni di storia

07 Apr, 2017 Comitato Organizzatore Mezza del Naviglio

Fiesso d’Artico (VE) – 20^ Dogi’s Half Marathon

11 Apr, 2017 Ufficio Stampa Evento

Recensioni scarpe: Brooks Transcend 4

15 Apr, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Milano, Campo XXV Aprile, gli atleti ci sono, la pista…un po' meno

21 Apr, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Pioltello (MI) – 18° Miglio di Piero – 1^ prova Club del Miglio 2017

28 Mar, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Sul Piave combattendo con vigore

27 Mar, 2017 Paolo Brambilla

Reggio Emilia - 34^ Vivicittà

09 Apr, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Altamura (BA) - 1^ Eco Half Marathon

11 Apr, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Appuntamento con la Corrilambro il 7 maggio

15 Apr, 2017 Fabio Maderna

Longarone-Busche (BL) – La Piave Marathon 2017

26 Mar, 2017 Ufficio Stampa Evento

1h04'52" record mondiale femminile mezza maratona di Joyciline Jepkosgei

01 Apr, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Arona (No) - Arona 10K

11 Apr, 2017 Redazione Podisti.Net

Adda e dintorni, anche senza correre

12 Apr, 2017 Roberto Mandelli - Redazione Podisti.Net

Recensione scarpe: New Balance Zante V3

13 Apr, 2017 Giambattista Rota - Redazione Podisti.Net

Boston (USA) - 121^ Boston Marathon

17 Apr, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Milano (MI) – 27° Miglio Ambrosiano – 2^ prova Club del Miglio 2017

12 Apr, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Russi (RA) - 41^ Maratona del Lamone

09 Apr, 2017 Ufficio Stampa Evento

Login Redazione

 

Foto Recenti