You are now being logged in using your Facebook credentials

Cernusco S N Mezza Sul Naviglio 2017 collage foto Fabio Marri

SERVIZIO FOTOGRAFICO

 

Quando Renzo Tramaglino entra per la prima volta in Milano, fuggendo da quel ramo del lago di Como, rimane a bocca aperta vedendo una città così grande e così ricca che semina lungo le strade persino farina e pane. Quando sono entrato io a Cernusco, dapprima sabato sera per una ricognizione, poi domenica mattina per la corsa, nel centro sportivo Buonarroti di Cernusco ho visto qualcosa che, nella nostra Emilia dei cosiddetti “buoni amministratori”, non credo che esista nemmeno a Bologna. Saranno 7 o 8 campi sportivi per le attività più varie, un palazzetto dello sport, una piscina, il tutto a lato del Naviglio della Martesana dove ferve la pratica della canoa; e i canoisti saranno determinanti nel pasta party dopo la gara.

 

Devo dire che l’immagine superficiale che circola per l’Italia a proposito di tutto l’hinterland milanese fantastica di fabbriche, ciminiere, nebbione, aria inquinata, canali puzzolenti, paesoni soffocati dal traffico, grattacieli che si ergono su prati rinsecchiti e cosparsi di pattume. Invece, arrivato lì traversando Oglio, Serio e Adda (quest’ultimo dal ponte di Cassano, grosso modo da dove inizia la Martesana; memoria - purtroppo offuscata - di una memorabile 50 km, zona però oggi popolata da centinaia di bagnanti, come una vera spiaggia), e visitando due o tre dei castelli viscontei meglio conservati (ma non perdete tempo passando per Brignano perché è tutto chiuso per restauri; Pagazzano invece vale la pena, ma la visita guidata fa perdere delle ore), mi sono imbattuto in cittadine come Cernusco, dal centro pedonalizzato, servite dalla metropolitana che ormai manca poco arrivi a Bergamo (infatti molti clienti del mio albergo si erano stabiliti lì per visitare poi Milano con tutto comodo e spesa minima), località piena di verde dove pascolano le lepri sullo sfondo del Rosa e del Resegone, con ampi spazi per la sosta delle auto.

 

Insomma, è bene che noi foresti assordati dal tam-tam di regime ci aggiorniamo, e ci convinciamo che i cosiddetti scempi edilizi sono a Modena (dove le cartoline illustrate pietosamente sbianchettano il grattacielo sorto alle spalle di una palazzina seicentesca dei giardini pubblici) piuttosto che a Cernusco e dintorni.

 

E vengo alla corsa: anche qui, voci malevole mi avevano prevenuto sulla bruttezza del tracciato. Ma che! Delle quattro o cinque maratonine corse in Lombardia nell’ultimo anno questa, a parte il fascino di altre per l’arrivo nel centro monumentale, è la più bella! Quasi tutta sulle sponde del Naviglio, dove le rane gracidano e i germani caracollano pigramente tra Gorgonzola e Vimodrone, con qualche km sterrato e un passaggio dal centro (su strade perfettamente lastricate) e poi da un grande parco a est di Cernusco. Organizzazione di serie A (”bronze” secondo la classificazione Fidal), prezzo equo per la competitiva, decisamente alto per le non competitive, dove in pratica per la 8 km si paga poco meno che per la 21 agonistica: su questo noi emiliani siamo più ‘sociali’, 1.5-2 euro e via andare, ottenendo però il risultato che a iscriversi alla 21 competitiva sono in duecento, e altri mille fanno la stessa corsa usufruendo degli stessi servizi e alla fine spazzolando il ristoro e beccandosi pure una bottiglia di vino nel pacco gara.

 

Qui a Cernusco rimane se non altro la consapevolezza che il ricavato va in beneficenza, per sostenere tre progetti umanitari; e il dettaglio curioso (non so quanto gradito a Fidal, assicurazioni, ministra Lorenzin ecc.) è che anche i primi tre arrivati, maschi e femmine, delle due gare non competitive di 8 e di 21 sono premiati.

 

Quando partiamo, il termometro dice 17 gradi, mattina limpida, umidità solo al 63%, e il sole già “dardeggia”, come sento dire da un concorrente alle mie spalle (deve essere over 50, perché i giovani, parole come queste non le conoscono proprio). Percorso omologato con tutti i crismi, e almeno nei primi 10 km i nostri Gps suonano esattamente in corrispondenza dei paletti chilometrici (alla fine risulteranno ad alcuni 130 metri in più, robetta). Ne esce fuori che persino il sottoscritto, colla meravigliosa 549° piazza su 732 competitivi classificati, sfiora il record personale della stagione: ma i puristi del regolamento difficilmente lo omologheranno, in quanto dal km 9, giusto a Gorgonzola dove Renzo consumò l’ultimo pasto prima di passare l’Adda, fino al 20,500 sono stato affiancato in bicicletta da Roberto Mandelli, e dal 18 in avanti (Vimodrone, il lato opposto) addirittura da Fabio Maderna: i quali, non solo mi hanno tagliato l’aria (prima di incontrare Mandelli avevo fatto un km in 5:35, con lui sono sceso subito a 5:23, e quando è arrivato Maderna addirittura a 5:17: ecco il beneficio!), ma addirittura Mandelli mi ha servito dalla bici dei rifornimenti volanti e fuori zona! In pratica, ad ognuno dei numerosi ristori con bottigliette d’acqua da 360 (sovradimensionate rispetto alla necessità: vedete la foto della sfilza di bottiglie abbandonate semipiene sulla balaustra verso il km 16), dopo due sorsi gli passavo il contenitore, che Mandelli mi ripassava in seguito.

 

Senza dire il supporto psicologico, 11 km di chiacchiere e revival, dal fotografo Muttoni che giocava a tennis con Facchetti, agli inventori della Stramilano e ad un recente flop di gara spostata dal sabato alla domenica, dalle defunte maratone di Cesano Boscone e di Marengo (dove lo speaker veniva da Treviglio e si trovò sommerso dalle critiche) alle corse della Santanché e ai trionfi di Claudia Gelsomino ecc. ecc., compresa una disputa se siano più buone da mangiare le rane o le lumache.

 

Voi mi direte: e Mandelli, per dedicarsi a questo supporto psicologico, ha rinunciato a fare foto? Ebbene sì, ma vedrete che il settore era ottimamente coperto dal mio coetaneo Arturo Barbieri, che in maratona stava sotto le 2h40, e ha fatto tutte le edizioni di Cesano compresa quella da tregenda del 1994, e a Cernusco ha scattato quattromila foto… Mandelli, che ha giusto un anno in più, si era invece spinto solo fino alla mezza, ma segnando anche tempi simili a 1h20. Insomma, Podisti.net si riconferma un ‘contenitore’ dove le cose prima le facciamo e poi le scriviamo, non per sentito dire.

 

In una gara così “bronze” e tecnologica, dove al pettorale era unito il chip, un tuffo nel passato è stata la “punzonatura” ai due estremi del percorso, ovvero due giudici uno dei quali leggeva i numeri dei pettorali e l’altro li scriveva: mi è venuto in mente quando negli anni Settanta facevo il giudice di pattinaggio a rotelle, anche qui vicino, a Concorezzo, e avevamo un registratore a cassette dove strillavamo i passaggi nello stile di Dezan ai traguardi ciclistici.

 

In attesa dei fulmini di Verrascina a mio riguardo, va detto che l’ordine d’arrivo ‘serio’ è assolutamente colorato di nero: il primo nome tutto nostrano è quello del decimo, Renato Tosi del San Rocchino, che però ha ceduto il nono posto al compagno di squadra Abdellatif Batel. Ha vinto Henry Kimani Muturia in 1.04:47, venti secondi meglio di Primien Manirafasha. Lo storico maratoneta Pietro Colnaghi, che ho riconosciuto in partenza dopo anni, solo dalla barba, è 16°. Davanti a lui la prima donna, Winfridah Moraa Moseti (spero di azzeccare nome e cognome) in 1.13:29, addirittura con un minuto in meno (se non è un errore) quanto a real time, e in ogni caso tre abbondanti minuti davanti alla seconda, Ruth ChelangatWakabu; mentre la Gelsomino è quinta, a 4” dalla quarta, prima italiana e prima F 45.

 

L’ottimo Barbieri è appostato verso il 4° km e poi all’ultima curva della pista, sotto il traguardo. Mandelli e Maderna non hanno il cuore di seguirmi fin lì, e dunque ai giudici Fidal manca la prova provata delle mie violazioni regolamentari… In compenso Mandelli preparerà i suoi soliti collage di foto mie (ma alcune sono fabbricazioni sue, anche se non lo scrive), così da avallare l’idea del narcisismo direttoriale. Arturo segnala che sto anche su Wikipedia: se po noo!

 

Dopo che Barbieri ha finito con le foto dell’ultima (una della “banda dell’Ortica”), c’è tempo per accomodarci al pasta party dei canottieri: maccheroni offerti agli atleti, il resto a cifre modiche salvo il vino a 10 € la bottiglia (Arturo dice che lui le trova a meno di 3 euro, e non è lambruscaccio); ma una grigliata di maiale a 6, una bottiglietta di minerale a 50 cent, e il resto in proporzione, sono decisamente abbordabili anche dai podisti poveri, escluso Mandelli che si riserva per l’abbuffata a casa sua anche in onore della Juventus.

 

Concludendo, per dirla con Lou Reed e soci: just a perfect day.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

I più letti del mese

Plurisqualificato ma applaudito in testa alla gara

30 Lug, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Doping e controlli

24 Lug, 2017 Sebastiano Scuderi

Porretta – Corno alle Scale: le dichiarazioni di vincitore, UISP e... nessun altro!

03 Ago, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Zogno (BG) - 20^ Corrida di San Lorenzo

07 Ago, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Mondiali di Londra: Classifica per Nazioni Italia 38° posto

14 Ago, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Bologna - 35° Casaglia- San Luca

22 Lug, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Adelfia (BA) - 12^ Correndo tra i Vigneti

25 Lug, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.net

Maratonina di Crema: un carico da undici

20 Lug, 2017 Ufficio Stampa Maratonina di Crema

Sovere (BG) - 4^ Sovere Night Running

05 Ago, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Livigno - 18^ Stralivigno - il commento

23 Lug, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Livigno - 18^ Stralivigno - i risultati

22 Lug, 2017 Stefano Morselli

Valgoglio (BG) - Giro delle contrade 2017

29 Lug, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Bossico (BG) - 2^ Bossico Running

29 Lug, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Orta 10in10, la leggenda continua

26 Lug, 2017 Comitato Organizzatore Orta10in10

Mondiali a Londra: nasce dalla scuola un altro zero per l’Italia

02 Ago, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Gozzano (NO) - La Orta10in10 al giro di boa

09 Ago, 2017 Ufficio Stampa Orta10in10

Clusone (BG) - 13^ Corrincentro

22 Lug, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Un altro morto senza un perché

13 Ago, 2017 Sebastiano Scuderi

Casina (RE) - 2^ Camminata di Casina

23 Lug, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Suzzara (MN) - 27^ Camminata della Festa de l'Unità

31 Lug, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Al via i mondiali di atletica leggera, tra fenomeni e speranze italiane

04 Ago, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.net

Santo Stefano di Sessanio (AQ) – 7^ Ultramaratona del Gran Sasso

01 Ago, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Chatbi, altri 5 anni e 4 mesi di squalifica

28 Lug, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

L’aquilone di Luca non vola più

02 Ago, 2017 Sebastiano Scuderi

Ripensando alla Trans D’Havet 2017

03 Ago, 2017 Gianni Baldini

Bruciamo un po’ di grasso

28 Lug, 2017 Ignazio Antonacci

Avete perso? Consolatevi con Bragagna

12 Ago, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Villalunga (RE) - 8^ Di Corsa sul Secchia

29 Lug, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Parre (BG) - 6^ Run Par

12 Ago, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Castellana Grotte (BA) - 7° Trofeo Grotte

08 Ago, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

I convocati azzurri per i Mondiali di Londra

27 Lug, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Songavazzo (BG) - Yankee Run 2017

14 Ago, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Podismo estivo nella provincia reggiana: Cacciola e Bagnolo in Piano

21 Lug, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Torre Santa Sabina (BR) - 12° Trofeo delle 2 Torri

01 Ago, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Biella - 42^ Biella-Oropa

30 Lug, 2017 Ufficio Stampa Evento

Jano di Scandiano (RE) - 5° Camminata Circolo al Ponte

24 Lug, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Vincenzo Pelliccia, supermaratoneta operaio

05 Ago, 2017 Stefano Severoni

I “corridori del cielo”

26 Lug, 2017 Sebastiano Scuderi

Fossone di Carrara (MS) - 14^ Strafossone

08 Ago, 2017 Ufficio Stampa Corrilunigiana

Mondiali di Londra: Kirui vince la maratona, Meucci è sesto

07 Ago, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.net

Ma domani si corre?

04 Ago, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Asti, gli ambasciatori delle maratone

25 Lug, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

I 100 metri e la Gaia retorica

06 Ago, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Porretta-Corno alle Scale e Barbi: parlano gli organizzatori

12 Ago, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Login Redazione

 

Foto Recenti