You are now being logged in using your Facebook credentials

Il Memorial Partigiani Stellina 2017 incorona Alex Baldaccini (Atl. Valle Brembanae Camilla Magliano (Pod. Torino).

 

Per Baldacciniè la seconda vittoria sui sentieri dello Stellina, quei sentieri che nel 1945 fecero da sfondo alla battaglia delle Grange Sevine, scontro terribile che vide i partigiani guidati dal comandante Aldo Laghi, alias Giulio Bolaffi, avere la meglio sulle truppe delle SS. L’azzurro già vinse qui nel 2015, ma, rispetto a due anni fa, il crono è nettamente migliore: 1h06:13 allora, nella nebbia, contro 1h05:39 corso oggi sotto il sole e il cielo blu.

 

Dopo lo start della corsa dall’Arco di Augusto di Susa, Baldaccini è nel gruppo di testa insieme a Davide Magnini (R.A.S. Courmayeur), al campione europeo e italiano Xavier Chevrier (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana) al francese Julien Rancon a Bernard Dematteis (Corrintime).

 

A 20 minuti dalla fine, si rifà sotto anche Hannes Perkmann (Sportler Team), ma Baldaccini, insieme a Puppi, prendono in mano la corsa e si involano in solitaria. A seguire un’altra coppia, quella formata da Chevrier e Magnini, mentre Bernard Dematteis perde terreno. Nell’ultimo chilometro Baldaccini allunga, Puppi non riesce a reagire e c’è così l’arrivo in solitaria del bergamasco con un vantaggio di 14 secondi sul compagno di club laureando in fisica. Anche per Puppi è un déjà-vu visto che nel 2015 i primi due posti furono gli stessi: Baldaccini e Puppi (1h06:37 nel 2015 contro 1h05:53 nel 2017), ora come allora. Stagioni diverse le loro, ma al traguardo oggi soddisfazione per entrambi.

 

“Sono davvero contento, - le parole di un Baldaccini che oggi ha stupito per primo sé stesso –è stata una stagione difficile per me, soprattutto nei primi mesi. Ci voleva una vittoria in una gara così importante con atleti di primo piano. Ho faticato molto tutta  la gara, sotto nei primi km ho faticato a tenere i primi poi pian piano salendo siamo rimasti in pochi e alla fine ce la siamo tirata io e Francesco. Siamo amici ma è sempre un avversario ostico, infatti sono riuscito a staccarlo proprio solo nel finale. Ora vorrei preparare bene i cross sperando finalmente in un inverno senza malanni.”

 

“Si è accesa la spia della riserva– ammette Puppi siamo a fine stagione e io avevo un’autonomia di 50 minuti, purtroppo la gara durava poco più di un’ora e io negli ultimi 15 minuti ero in apnea!  Ho tenuto quello che serviva per il secondo posto, ma sono contento che abbia vinto Alex. E’ una gara bellissima, un percorso classico per la corsa in montagna. Vorrà dire che, dopo due secondi posti, dovrà tornare per vincerla!”

 

Terzo gradino del podio per Magnini in 1h06:25: “Sono molto contento della mia gara, ho reagito bene dopo una settimana di lavoro a Courmayeur. Ho faticato un po’ la prima parte, poi una volta scaldato sono salito bene. Era una gara che non avevo preparato ma che ho voluto correre per apprezzare questo percorso”.

 

Magnini nel tratto finale ha distanziato il campione italiano in carica Chevrier (1h06:49), bravo a tener dietro l’arrembante Perkmann (1h07:03). Sesta piazza per Bernard Dematteis in 1h07:45 che precede Miran Cvet (Slovenia) con 1h09:08. Ottava piazza per il Presidente della WMRA Jonatan Wyatt; il trionfatore di ben 13 edizioni della Stellina e il sei volte campione del mondo chiude in 1h09:55 seguito a distanza dal francese Julien Rancon, nono in 1h10:11. 11^ piazza per Martin Dematteis (Corrintime), il detentore del record del percorso, che chiude l’edizione di quest’anno in 1h10:38 preceduto da Edward Young (Pod. Valchiusella), 10° in 1h10:24.

 

La gara femminile ha vissuto nella prima parte sulla bella sfida tra Camilla Magliano (Pod. Torino), la rivelazione del 2017 della corsa in montagna, e Celine Iranzi (Orecchiella Garfagnana) originaria del Rwanda con Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) terzo incomodo, seguita dalla favorita della vigilia, la britannica Sarah Tunstall. Progressione incessante quella della Magliano che, lasciata sfogare la Iranzi, la distacca gradualmente e taglia il traguardo in 1h19:26 con 59 secondi di vantaggio sull’avversaria.

 

Molto soddisfatta la Magliano, torinese doc, prima piemontese a vincere la Stellina: “Sono felicissima ed emozionata. Ci tenevo tanto a partecipare e a fare bene proprio perché è una gara piemontese, di caratura però mondiale. Sono partita tranquilla ma senza aspettative, sapevo che era una gara adatta alle mie caratteristiche perché tutta in salita; all’inizio ho lasciato andare la Iranzi perché sapevo che la gara era lunga e c’era tempo per recuperare. Sono venuta su col mio passo ed è andata bene”.

 

Ed è contenta anche la Iranzi, alla sua seconda gara italiana dopo Badia Prataglia: “Ho apprezzato soprattutto i paesaggi bellissimi della vallata, adoro correre in montagna”.

 

Sul terzo gradino del podio la campionessa italiana Alice Gaggi, col tempo di 1h21:30. “Sapevo che era un percorso non adatto alle mie caratteristiche, ma è sempre bello essere qui, è sempre una gran festa. Sono contenta di aver reagito bene ad un momento di crisi che ho vissuto dopo i primi chilometri: ho saputo superarlo e ripartire dosando le forze così sono riuscita a salire con regolarità e ad arrivare in cima.”

 

Al quarto posto la favorita della vigilia, l’inglese Sarah Tunstall, che chiude in 1h22:58, davanti all’azzurra Samantha Galassi (La Recastello Radici Group) con 1h24:14. La classifica continua con il sesto posto di Nadia Re (ASD Valli di Lanzo) che, con 1h26:31, precede Eufemia Magro (ASD Dragonero) con 1h27:59. Chiudono la lista delle prime dieci le atlete della Free Zone, Gloria Rita Giudici (1h28:32) e Barbara Bani (1h28:39), seguite da Chiara Giovando (Atl. Monterosa), 10^ in 1h29:49.

 

La prova juniores maschile, con partenza dalla Braida e arrivo a Costa Rossa, vede il netto successo dell’azzurrino Andrea Rostan (Atl. Saluzzo) che taglia il traguardo in 56.14. Più lontano Ousmane Diomande (Atl. Giò 22 Rivera) con 1h15:19.

 

Edizione speciale quest’anno, la prima senza Adriano Aschieris, uno dei fondatori della manifestazione. In ricordo del Presidente dell’Atletica Susa prima e di Fidal Piemonte poi è stato organizzato 1km di camminata in musica ed emozioni, la Corri con Adri, cui ha preso parte il popolo della Stellina, la medaglia olimpica di Mosca 1980 Maurizio Damilano, l’Assessore allo Sport della Regione Piemonte Giovanni Maria Ferraris.  

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti