You are now being logged in using your Facebook credentials

Controguerra vale ancora una Messa, anche se ormai i podisti pugliesi superano quelli locali, urge l'aiuto del simpatico collega pugliese Roberto Annoscia, perché essi giungono qui a frotte in autobus allettati dal ricco pacchetto turistico che coinvolge 26 strutture della zona per 800 prenotazioni, una vera manna dal cielo per il turismo locale che punta sul biologico e sulle antiche ricette locali.

Così come ha il sapore di buono e di antico la "La Corsa di San Martino" baciata quest' anno da un sole quasi estivo che ha accompagnato sul durissimo tracciato collinare di 15 chilometri compreso tra la cittadina teramana e le vicine località di Torano Nuovo e i sobborghi di Nereto, i quasi 1.300 atleti partecipanti alla competitiva e i 2.500 camminatori della "Mangialonga" che hanno assaggiato, percorrendo un percorso di 5 chilometri, succulente specialità culinarie preparate dalle fattorie locali, in postazioni predisposte lungo il percorso mai monotono e ricco di saliscendi con un bellissimo panorama che spaziava tra i Monti Gemelli ed il Mare Adriatico, immerso tra cromatici vigneti ed uliveti autunnali.

Un nuovo successo di pubblico e di atleti, per questo stupefacente miracolo organizzativo abruzzese, nato da una piccola ed appassionata società locale l' Avis Val Vibrata che ha visto la sua gara trasformarsi negli anni da stracittadina "goliardica" a gara nazionale UISP.

In splendida forma, il keniano Joash Kipruto Koech ha imposto il suo ritmo sfrenato alla gara di vertice per poi seminare lungo il percorso gli agguerriti rivali, andando a vincere con il tempo di 45'19" davanti ai marocchini Youness Zitouni (46'09") e Hicham Boufars (46'24").

Buona la prestazione del mezzofondista Stamurino Stefano Massimi, settimo assoluto e primo degli italiani in 48'53", predilige la pista ma ultimamente è spesso su strada anticipando forse un futuro da ottimo fondista. 

In campo femminile ancora una sorprendente vittoria per la maratoneta locale Marcella Mancini che, partita in sordina, ha poi rimontato prima la keniana Wakabu Ruth Chelangat e,poi, intorno all' undicesimo chilometro, la marocchina Janat Hanane, andando a vincere con l'ottimo tempo di 56'20" con 23 secondi di vantaggio sulla keniana e 42 sulla marocchina crollata nel finale.

Iniziato come sempre con una grande accoglienza, dove è impegnato quasi tutto il paese, il week-end sportivo della "Corsa di San Martino" fatto anche di gite escursionistiche, feste e balli del sabato notte con vino, sangria e caldarroste, si è consumato ancora in un allegro caos che per due giorni anima ed allieta quest'angolo d'Abruzzo quieto, laborioso e sornione per il resto dell'anno.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti