You are now being logged in using your Facebook credentials

Fatevi in là ragazzini,  sono sempre io il più forte. Salah Ouyat è tornato dopo una settimana di ferie ed ha fatto propria anche la Stravarganbass. Una marea di concorrenti in piazza Santo Stefano, periferia di Borgomanero, per una serale senza pioggia, ma con poca luce (il via alle 19). Breve giro nel centro abitato, poi l'assalto alla collina prima della fuga tra prati e boschi. Unica nel suo genere, la Stravergano ha trovato al rientro anche un "esagerato" ristoro sul quale la folla affamata si è gettata a quattro palmenti. Dunque Ouyat ancora primo, tallonato dagli implacabili fratelli pratesi Francesco e Claudio Gglielmetti che si sono inchinati ancora una volta all'abilità del vincitore, atleta forte, leale e riservato. Salah ha 40 anni ed è coniugato con Samira, giovanissima marocchina di soli 24 anni dalla quale ha avuto un figlio, che si chiama Ayoub e ha compiuto 4 anni. Il bimbo proprio a Santo Stefano ha fatto il suo esordio podistico divertendosi molto. "Ho vinto per lui - ha detto Salah - : vedremo come andrà tra qualche anno". Ai piedi del podio quarto posto per Giuseppe Abbatecola di San Maurizio d'Opaglio e quinto lo stresiano Rocco Macellaro. In campo femminile prima la velocissima Federica Poletti, 24 anni, laureanda in farmacia, che ha preceduto la borgomanerese Giada Licandro, studentessa dell'ultimo anno di Scienze umane al liceo di Gozzano. Molto qualificata la rappresentanza delle donne che ha visto terza Martina Moglia, quarta Federica Cerutti e quinta Monica Moia. Tra i presenti anche il triathleta Stefano Luciani reduce da una disavveentura che lo terrà a riposo per molto tempo. Stefano stava disputando la seconda frazione, quella in bicicletta, quando è stato travolto da un'auto che se ne è pure andata senza prestare soccorso. "Non so ancora adesso - ha puntualizzato l'atleta borgomanerese - chi sia stato l'investitore. Spero che si faccia vivo". Due costole fratturate, escoriazioni e ferite in varie parti del corpo. Un altro podista di casa nostra, l'ossolano Mauro Bernardini - è rimasto vittima di un incidente stradale mentre si recava a far visita al citato Luciani. Anche lui travolto da un'auto, un braccio ingessato e ferite varie. Auguri ad entrambi di buona guarigione dopo l'inevitabile lungo periodo di cure.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti