You are now being logged in using your Facebook credentials

0 Stelvio Marathon 2017 foto Daniela Gianaroli

SERVIZIO FOTOGRAFICO

 

“Questi tedeschi”, diceva Peppone, “per la tecnica bisogna lasciarli stare, non c’è nessuno che li valga”. Il discorso si può applicare anche alle maratone: nella mia personale graduatoria, Berlino è la prima al mondo tra le maratone urbane; Interlaken, Davos e Zermatt primeggiano tra le maratone di montagna.

 

Chissà - mi chiedevo, risalendo venerdì la Val Venosta (Vinschgau) dove ridicoli nomi italiani si sono sovrapposti ai legittimi toponimi tedeschi (Silandro per Schlanders, Glorenza per Glurns, Covelano per Göflan, ecc.) - se questi sudtirolesi hanno conservato la mentalità tedesca anche nell’organizzare. (Purtroppo, il primo impatto con questa mentalità tedesca mi ha colto nell’albergo di Solda, dove alle 20,15 non servivano più la cena – ma questo è un altro discorso: st’altra volta andrò a Trafoi nell’albergo di Gustav Thoeni, che mi dicono abbia una cura speciale e personale per i clienti).

 

Ma quanto a questa maratona all’esordio, direi che quasi tutto sia andato ‘alla tedesca’, nel senso migliore del termine oltre che, s’intende, nel rispetto del bilinguismo fin dallo speakeraggio: nelle premiazioni finali, a un presentatore germanofono specialmente riservato alle signore (che infatti, direi, al 95% erano di madrelingua tedesca) corrispondeva un presentatore la cui cadenza  romagnola-bolognese deliziava i presenti. Mentre, nel precisissimo briefing della vigilia, a tradurre in italiano provvedeva lo stesso Gerald Burger: non esattamente un principiante, se da 18 anni ha portato al successo il giro del Lago di Resia (Reschensee), in programma tra un mese.

 

Centro maratona ubicato presso l’imponente area sportiva, tanto più grandiosa se pensiamo che Prato conta 3700 abitanti (magari, si potrebbe segnalarla meglio nei cartelli stradali, visto che è un km a valle del paese); pasta party compreso nel costo d’iscrizione (crescente, dai 70 ai 130 euro col passare del tempo, per qualsiasi distanza), briefing accurato con proiezione di diapositive chiarissime oltre che suggestive. Un po’ più complicato trovare, la mattina della gara, i camioncini dove depositare la propria sacca dei ricambi: in pratica, a mezza strada fra la partenza nel centro del paese e l’area sportiva della sera prima; coi blocchi del traffico del sabato, e le segnalazioni orali contrastanti, c’è un po’ di affanno (ma per fortuna, il tempo limite di consegna della sacca sarà un po’ allungato, senza far ricorso alla rigidità teutonica).

 

I circa 400 maratoneti compiono un primo ricciolo di 16 km, in parte su strade bianche e in parte su una pista ciclabile (invasa da famigliole con bimbi piccolissimi che pedalano in ordine e compostezza), raggiungendo prima Montechiaro (in realtà, Lichtenberg, il Monte della luce) poi il bel borgo di Glorenza, pieno di folla festante che ci applaude; e l’incitamento del pubblico ci sarà anche negli attraversamenti degli altri paesi o piccoli agglomerati, cosa sorprendente rispetto al silenzio o all’indifferenza che accompagna noi del centro-coda gruppo, anche in corse italiche ben più frequentate.

 

Si torna a Prato, da dove nel frattempo sono partiti gli altri circa 400 iscritti al percorso dei 26 km, che affrontano direttamente le rampe che porteranno allo Stelvio, sul versante sinistro della valle, da subito a un’altezza di 2-300 metri superiore a quella della strada statale: il che offre tra i km 17 e 21 alcuni degli scorci più favolosi su tutta la valle, fino a Solda e all’Ortles, oltre che sulla paurosa parete dello Stelvio che andremo ad affrontare.

 

Bello, sì, ma dal punto di vista ‘tecnico’, è fonte di discussioni che raccolgo tra i partecipanti: è giusto dare il nome di “maratona”, piuttosto che di Sky Marathon, a una gara dove una parte si svolge addirittura su “sentiero alpino”? D’accordo che, a parte 2-3 km intorno al trentesimo classificabili come EE, il resto sono sentieri in mezzo a boschi, su fondo in prevalenza terroso, e comode carraie lisce, dove non fanno difficoltà le normali scarpe da asfalto; anche la Jungfrau si continua a chiamare maratona sia pur comprendendo un paio di km sulla morena glaciale.

 

Però, alcuni colleghi rilevavano che  la corsa è molto più dura di quanto si aspettassero: ho in mente Massimo da Cesena, 28 anni e 8 maratone all’attivo, con cui ho camminato su qualcuno dei 25 mitici tornanti sotto il passo; o Giuseppe da S. Giovanni in Persiceto, con cui mi accomuna la venerazione per i maestri di podismo e di vita come l’ingegner Morisi, e il sarcasmo nei confronti di alcuni pseudo-podisti di oggi la cui massima attività sportiva è di raccontarsi sui blog.

 

Questo del percorso (a proposito: sicuramente più lungo, dai 200 ai 500 metri secondo i vari Gps, e con un dislivello maggiore dei 2350 metri dichiarati: forse oltre 2500 metri, causa l’esser saliti fino ai 2380 slm al km 32,8 per poi scendere ai 2130 dell’ingresso al tornante 25) genera problemi in quello che forse è l’unico punto dolente dell’organizzazione, il servizio pacemaker. Premetto che io non ho mai visto pacer nelle gare di montagna, mentre qui ce n’erano in quantità (ricordo in particolare Anna da Rovereto, con cui ho corso intorno ai 6’ /km nei primi 15 km); ma di nessuno mi risulta che abbia rispettato i tempi previsti (io sono arrivato poco sotto le 7 ore, con un pacer delle 6 ore e una ragazza, pure pacer, il cui tempo finale non era indicato; un altro pacer l’ho passato mentre stava sconsolatamente appoggiato a un paracarro della statale, negli ultimi km).

 

Da un lato, mi hanno confessato di non aver mai provato il percorso (dunque ne sapevano come me); dall’altro, credo che in queste gare ci vorrebbe un pacer per ogni concorrente, dato che c’è il podista che corre in salita e quello che cammina, quello che corre sull’asfalto ma va di passo sullo sterrato, quello che nelle discese sassose va più piano che nelle salite, quello che si ferma a rifiatare due minuti in piedi e quello che si siede. Insomma, giudico la proposta di pacer generosa, ma sostanzialmente fallita.

 

Un ultimo punto su cui propongo sommessamente un miglioramento è nel rilevamento chip, previsto solo in partenza, al km 21 (cioè nel paese di Stelvio) e poi al 35 cioè verso l’immissione sull’asfalto della statale. Sarebbe occorso un controllo nei primi 16 km, perché qui siamo tutti onesti ma (Passatore docet) c’è anche il furbastro che trova inutile farsi un ricciolo che lo riporta alla partenza, e si avvia direttamente dal ‘secondo giro’. Non ho nessun sospetto, e anzi metterei la mano sul fuoco per il 99% dei colleghi; però capita di vedere che, dei due rilevamenti intermedi programmati, a qualcuno in classifica ne manca uno (magari per un semplice problema tecnico): ed essere “visto” solo una volta in 42 km mi pare poco.

 

Tutto il resto si svolge all’insegna della più perfetta tecnologia germanica (a proposito, al passaggio per Stelvio mi ha dato ritmo persino una musica ripescata dalle antiche marce che accompagnavano l’incedere della Wermacht per il Regno dei mille anni…): segnalazioni attente su un tracciato divenuto permanente (un po’ di scelta ci viene lasciata sulle varianti di sentiero nel tratto più alpino), grande presenza di volontari, che ho constatato di persona al km 30,5 quando, inciampato e rotolato per qualche metro tra i ginepri, non ho fatto in tempo a rimettermi in piedi che già due addetti in maglietta rossa erano lì a chiedermi come andava).

 

Ristori addirittura esagerati: 13 ne erano annunciati, a me sono sembrati addirittura di più, ed è sicuramente un record mondiale (perché è vero che New York bevi ogni miglio, ma non hai niente da mangiare salvo in due punti quel gel diarroico). Allo Stelvio c’era di tutto, e in testa alle preferenze metto le fette di Wassermelone (pardon, anguria) che sono state il mio alimento principale; poi acqua, cola, succhi di frutta, mele, arance, banane, frutta secca, due diversi tipi di torte, e sicuramente dimentico qualcosa. Primo ristoro (e spugnaggio) dopo 2,5 km, e aumento progressivo della cadenza col passare dei km: non è “normale”, gli ho detto, che ci sia un ristoro ai -5, uno ai -3, uno all’ultimo km (quello l’ho saltato)! Anormale, ma utile, specie se ci si riesce a regolare non ingozzandosi di liquidi.

 

Al Passo dopo l’arrivo, poi, trovo un’organizzazione industriale che devono aver preso dalla Volkswagen o dalla Siemens: è vero che devi fare dieci scalini, ma poi appare un meraviglioso attaccapanni numerato dove stanno appese le sacche in perfetto ordine, una tenda enorme dove hai ristoro comprensivo di birra a volontà (alkoholfrei, schade!) e puoi cominciare a rivestirti o scambiare le impressioni coi colleghi (Stefano da Bolzano, Leonardo da Pescara, l’immancabile sior Vitòrio da Manzano, mentre si fa aspettare Herr Hartmann Stampfer, forse impegnato a fotografare i panorami, ed è già andato via il grande Gianni Baldini da Viterbo). Per le docce, siamo suddivisi mediante voucher tra due hotel vicini, ma con tolleranza italica veniamo ammessi anche nell’hotel diverso dal nostro: doccia caldissima, bagni pulitissimi, ampia possibilità di rimettersi in borghese comodamente seduti, e forse pure di tuffarsi nell’attigua piscina.

 

Il rientro (perdurando la chiusura del Passo in discesa verso Prato fin verso le 17: solo per noi podisti e per il Giro d’Italia si chiude la statale!) è gestito mediante navette che sconfinano in Svizzera tramite l’Umbrail. Io riesco invece a scendere, poco più tardi, in auto per la SS 38, incontrando ancora una decina di colleghi atleti che, scaduto il tempo massimo, provano ugualmente a raggiungere il traguardo, senza più i ristori ma col fotografo che li aspetta al tornante 12.

 

Un po’ in ritardo la premiazione finale a Prato, appunto causa problemi di traffico, e anche per il soccorso a un atleta sentitosi male dopo la fine (provvede Gerald Burger di persona), ma arricchita dall’inattesa e mitica presenza di Gustav Thoeni: pensate che emozione, ricevere l’abbondante cassetta gastronomica del premio di categoria dalle mani di un coetaneo che quarant’anni  fa era l’idolo mio e di tutti. Gli strappano la mezza promessa di partecipare alla maratona l’anno prossimo, e sono convinto che, col fisico integro che si ritrova, andrebbe a premio anche lui.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

I più letti del mese

Monza – 57^ Monza - Resegone

20 Giu, 2017 Comunicato Stampa Comitato Organizzatore

La rotazione delle scarpe da running: esperienze e considerazioni

09 Giu, 2017 Maurizio Lorenzini - Giambattista Rota - Redazione Podisti.Net

Ahmed Nasef, Campione Italiano di maratona 2016, si racconta

27 Mag, 2017 Fabio Maderna - Redazione Podisti.Net

Prato allo Stelvio (BZ) - 1^ Stelvio Marathon

17 Giu, 2017 Ufficio Stampa Evento

Milano – 7° Palio dell’Ortica

10 Giu, 2017 Fabio Maderna - Redazione Podisti.Net

Stelvio Marathon ‘tedesca’ e favolosa: compreso Thoeni

18 Giu, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Ternate (VA) - 3^ Corri con Samia

04 Giu, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

57^ Monza – Resegone: sorteggiato l’ordine di partenza

07 Giu, 2017 Ufficio Stampa Monza - Resegone

NYRR New York Mini 10k: nono posto per Sara Dossena

11 Giu, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Monza (MB) – Monza-Montevecchia 2017

30 Mag, 2017 Maurizio Lorenzini - Redazione Podisti.Net

Doping: e il medico sociale?

27 Mag, 2017 Sebastiano Scuderi

Quinzano (VA) – 2^ Tappa Giro del Varesotto

28 Mag, 2017 Antonio Puricelli

Dobbiaco (BL) - 18^ Cortina-Dobbiaco Run

04 Giu, 2017 Ufficio stampa

Desio (MB) – 4^ Des par Des by Night

13 Giu, 2017 Fabio Maderna - Redazione Podisti.Net

San Damiano di Brugherio (MB) – Du Pass

14 Giu, 2017 Luigi Pastore

La mia MoMot 2017 con Corroergosum

29 Mag, 2017 Lorenza Di Gregorio

Carosino (TA) - 5° Trofeo Carosino in Corsa

06 Giu, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

San Michele Tiorre (PR) - 7° Trail del Salame

29 Mag, 2017 Gianmatteo Reverberi

Recensioni: “Outdoor Guide 2017”

01 Giu, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

L’esordio al Passatore di Elena Di Vittorio

31 Mag, 2017 Stefano Severoni

Il Giro del lago di Resia è una tentazione irresistibile

22 Giu, 2017 Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.Net

Fumane (VR) - 4^ ValpoRun

29 Mag, 2017 Fabio Rossi

Bologna/Fiesole – 1° Ultra trail Via degli Dei

06 Giu, 2017 Comitato organizzatore / Massimo Muratori

Gozzano Lido (NO) - Quadrortathon

05 Giu, 2017 Fabio Marri - Direttore Podisti.Net

Nerviano (MI) - 8^ Cur cui Ran

04 Giu, 2017 Gennaro Elmo

Rescaldina (MI) – Notte delle 3 Esse – 2^ Prova E.. State Correndo

22 Giu, 2017 Comunicato Stampa E..State Correndo

Turi (BA) - 17^ Quattro Passi nella Storia

13 Giu, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Somma Lombardo – 4^ Tappa Giro del Varesotto

08 Giu, 2017 Antonio Puricelli

Minsk (BLR) - Coppa Europa 10.000 metri

10 Giu, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Roma – 1^ Mezza maratona di Roma e 11^ CorriRoma

18 Giu, 2017 Ufficio Stampa Evento

Valle di Ledro (TN) - Ledro SkyRace 2017

11 Giu, 2017 Ufficio Stampa Evento

Campionati Mondiali di Londra: i maratoneti dell'Etiopia

08 Giu, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Campionati Mondiali di Londra: i maratoneti del Kenya

26 Mag, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net

Bisceglie (BT) - 57° Giro Podistico

30 Mag, 2017 Roberto Annoscia - Redazione Podisti.Net

Castellarano (RE) - 37^ Le Colline del Secchia

12 Giu, 2017 Stefano Morselli - Redazione Podisti.Net

Piantedo (SO) - 4° Trail del Viandante

28 Mag, 2017 Comunicato Stampa

Il Signor Mille Maratone

03 Giu, 2017 Michele Rizzitelli

Il mio Passatore...

07 Giu, 2017 Paolo Reali

Grazie Signore! (Il mio primo “Passatore”)

28 Mag, 2017 Sebastiano Scuderi

Cassano Magnago – 5^ Tappa Giro del Varesotto

11 Giu, 2017 Antonio Puricelli

Classifica Ufficiale della 57^ Monza - Resegone

21 Giu, 2017 Roberto Mandelli - Redazione Podisti.Net

Login Redazione

 

Foto Recenti