You are now being logged in using your Facebook credentials

Commenti e Opinioni

Morte di Ponzo alla Maremontana 2013: tutti assolti

16 Dicembre, 2017 Sebastiano Scuderi
Il 24 marzo 2013 si svolgeva sulle colline del loanese il Trail Maremontana “dalla sabbia alla neve”, su tre distanze, 60, 45 e 20 km, con un tempo da lupi tra pioggia e raffiche di vento. Purtroppo avvenne quello che nessuno vorrebbe mai capitasse: l’ ex…

Antidoping: positivo Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare

16 Dicembre, 2017 Pasquale Venditti - Redazione Podisti.Net / Sebastiano Scuderi
La Prima Sezione del TNA ha provveduto ad accogliere, in data odierna, un’istanza di sospensione cautelare proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, in relazione all’atleta straniero Lahcen Mokraji (tesserato FIDAL), riscontrato positivo al Clenbuterolo a…

Torinesi, siete pochi: state a casa!

15 Dicembre, 2017 Sebastiano Scuderi
Tempi duri per il podismo torinese: la gara più importante di domenica 10 dicembre era senza dubbio la Royal Half Marathon di Enzo Caporaso, anche se nel 2016 aveva dovuto subire la concorrenza di Un Po di corsa, raggranellando solo 209 classificati contro i…

Mezza di Palmanova in calo: perché?

15 Dicembre, 2017 Gianni Panfili
Dopo un mese dallo svolgimento della mezza maratona di Palmanova (UD, 19 novembre), mi trovo a fare delle riflessioni sulla gara. Giunta ormai alla 15^ edizione, nata come una mezza tra le tante altre, piano piano ha trovato uno spazio importante nel mondo…

Il 24 marzo 2013 si svolgeva sulle colline del  loanese  il Trail Maremontana “dalla sabbia alla neve”, su tre distanze, 60, 45 e 20 km, con un tempo da lupi tra pioggia e raffiche di vento. Purtroppo avvenne quello che nessuno vorrebbe mai capitasse: l’ ex calciatore di Cesena, Reggiana, Spezia, Savona, e del Modena di serie A 2002-2004, Paolo Ponzo, 41 anni, si sentì male e morì per arresto cardiaco irreversibile. I soccorsi furono i più tempestivi possibile, ma l’elicottero non riuscì a  levarsi in volo.

 

Dopo due anni di indagini furono rinviati a giudizio per omicidio colposo il direttore di Maremontana Antonio Ghilino, l’organizzatore e responsabile del percorso Roberto Franchelli e il medico di servizio Daniele Sciuto.

 

Finalmente è arrivata la sentenza, che assolve tutti gli imputati perché il fatto non sussiste.

 

Il malore è stato causato da una cardiomiopatia ipertrofica al ventricolo sinistro, asintomatica, cioè una patologia sconosciuta  unita allo sforzo fisico. Le condizioni meteorologiche avverse non hanno avuto alcuna influenza: “sarebbe successo anche col sole” ha detto il medico legale.

 

Non sono state rilevate neppure carenze organizzative, i soccorsi sono arrivati dopo 15’ con l’effettuazione di manovre di rianimazione cardiopolmonari, e il defibrillatore impiegato dopo 34’  non poteva nulla contro la malformazione riscontrata.

 

Infine è stata esclusa anche l’ipotermia.

 

Si conclude così una vicenda dolorosa e drammatica, che purtroppo può sempre capitare, perciò è importante predisporre un’organizzazione efficiente al massimo; quel giorno ci fu un numero elevato di ritiri, che furono gestiti perfettamente come prevedeva il piano di soccorso validato dal 118.

 

Restano il dolore per la prematura scomparsa di un atleta di soli 41 anni e i quasi cinque anni di sofferenza degli imputati, un tempo troppo lungo e costoso.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti